Intervista Solveig Fernlund

© Dean Kaufman

Quest’ultimo anno, Arper ha avuto l’opportunità di collaborare con Solveig Fernlund alla realizzazione del suo primo showroom a New York. Da oltre dieci anni il suo studio arreda spazi residenziali e commerciali che sono contemporaneamente ambienti dove si vive e si lavora. In quest’intervista Solveig Fernlund ci parla della sua fonte di ispirazione per la progettazione dello showroom Arper di New York.

Qual è il Suo approccio all’architettura?
Quando lavoro con uno spazio già esistente, cerco di far emergere la sua essenza, la struttura e la luce naturale. Mi piace la parola svedese “formgivare” (ovvero colui che dà forma) perché fa pensare che la soluzione è lì che aspetta solo di essere portata alla luce. Nelle città, gli interni fanno le veci della natura, sono un rifugio dal traffico e dal frastuono delle strade, un luogo di pace e tranquillità, ma anche di attività ed ispirazione, una sorta di natura ad opera dell’uomo. Ogni progetto deve tenere conto del mutare delle esigenze. Per questa ragione è indispensabile che il progetto venga concepito in un clima di collaborazione, che vi sia un dialogo aperto con il cliente.

© Dean Kaufman

Dove trova l’ispirazione?
Nella natura e nell’arte. Ma soprattutto nella musica, perché è astratta ed esprime cose che non sempre possono essere tradotte in parole. Per me è la forma di ispirazione in assoluto più spontanea.

Qual è stato il concept per lo showroom di Arper?
Lo spazio destinato a ospitare lo showroom Arper è un bellissimo loft a New York. Il mio obiettivo è stato quello di renderlo più aperto. Le colonne e le travi sono visibili e servono a definire i differenti usi degli spazi. Lo showroom stesso occupa la parte anteriore della struttura ed è suddiviso in più aree espositive mediante un semplice sistema di pannelli scorrevoli in tessuto semi-trasparente che lasciano la luce naturale libera di diffondersi in tutto l’ambiente. Per lo staff c’è un grande open space condiviso sul retro con spazi delimitati, più ridotti, per riunioni di lavoro e meeting.

© Dean Kaufman

Quali problemi o vincoli presentava il progetto?
Volevo che fosse possibile presentare la collezione di Arper in singoli gruppi e vignette anziché esporre tutti i pezzi in un unico grande spazio. Grazie ai pannelli scorrevoli l'ambiente cambia, assumendo diverse configurazioni.

Come vede la relazione tra architettura e arredamento?
Fanno parte di un tutto, l’una sostiene l’altra e viceversa. L’architettura dovrebbe essere rilassante, sicura e forte, rivelandosi ed evolvendo per fasi. L’arredamento può essere giocoso, colorato, essenziale o generoso, a seconda delle funzioni.

© Dean Kaufman

In che modo l’ambiente influenza il lavoro?
Mi piace attenuare la distinzione tra spazio lavorativo e abitativo, infatti cerco di far emergere le qualità insite in un luogo o in uno spazio. Realizzare uno spazio di lavoro non è molto diverso dal realizzare uno spazio dove vivere. Il nostro ambiente influenza direttamente il lavoro che facciamo e le sensazioni che proviamo in uno spazio. Molte persone trascorrono la maggior parte del loro tempo proprio nel luogo di lavoro. La sensazione quando vi entrano dovrebbe sempre essere calda e accogliente, ed allo stesso tempo luminosa e libera da elementi che creino confusione e distrazioni. È la pagina bianca su cui proiettare i propri pensieri, senza l’ansia e la frenesia del mondo esterno. I materiali dovrebbero essere di qualità, stimolare il tatto e favorirne l’utilizzo nel tempo.

Come definirebbe un “buon design”?
Un design che abbia una buona capacità d’ascolto ed una visione chiara.

Arper Showroom New York
476 Broadway, Suite 2F
New York, NY 10013

Per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile nel nostro sito Web utilizziamo cookie, anche di terza parte. Continuando la navigazione dichiari di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini d’uso espressi. Per saperne di più e per modificare le tue preferenze consulta la nostra Informativa Privacy