Psicologia del colore e design

17 marzo 2022

United Colors of Benetton - Nuovo Store di Milano

Che effetti ha il colore sulla nostra emotività? Può l'estetica di un ambiente influenzare il nostro stato d'animo? La psicologia del colore è una disciplina in nuce già nelle teorie del colore di Johann Wolfgang Goethe o di Wassily Kandinskij. Quest'ultimo descrive i colori in base alle sensazioni e alle emozioni che suscitano nello spettatore. Da elemento di sperimentazione nell'arte del Novecento, a codice nella teoria architettonica dello spazio, il colore assume una precisa valenza nella cultura e nell'epoca storica in cui lo si vive. Ma anche in correlazione alla risposta neuronale di chi lo percepisce. 

[Guarda anche i video “Il Colore nell'arte moderna” e “Il Colore nell'architettura e nel design”]

Il colore non è statico. Non agisce da solo, come un elemento isolato da un contesto. È tanto un riflesso della nostra percezione, quanto un tema di indagine: attraverso la collaborazione con progettisti e designer, che hanno portato la loro sensibilità per il colore nel mondo industriale, da anni Arper plasma il colore per renderlo uno strumento progettuale e un segno di riconoscibilità.

[Leggi anche “Un viaggio nel colore”]

Ma quali sono le tendenze del colore nell’interior design oggi? Ce le spiega Laura Perryman, trend & colour consultant, fondatrice dello studio londinese Colours of Saying e autrice de “The Colour Bible: The definitive guide to colour in art and design” [in italiano: “La Bibbia del Colore”, ed. Apogeo]. Che ci parla anche di “colore vivente” e insito nelle superfici, dell'alfabetizzazione del colore come elemento per promuovere la sostenibilità, e della recente tendenza a interior design con colori più audaci.

Laura Perryman, foto Eric Oliveira, DomestikaLaura Perryman, foto Eric Oliveira, Domestika

D     Quali sono gli effetti psicologici dei colori?


R     I colori creano esperienze che ci rimangono, come le impressioni. Si legano a ricordi. Nel design contemporaneo il colore è sfruttato per creare associazioni di marca uniche che a nostra volta ricordiamo. Ad esempio, gli interni rosa dello Sketch London Restaurant, oppure il nuovo negozio rosa di United Colors of Benetton a Milano che rispecchia l'omologo virtuale nel Metaverso, al fine di costruire fedeltà omnicanale.

Memoria, olfatto, consistenza, piacere e dolore sono i cicli dei sensi che proviamo quotidianamente per prendere decisioni e sviluppare associazioni subconscie. Kandinskij ha collegato il colore alle emozioni, ma anche ai sensi e al suono: questa è stata una scoperta significativa. In tempi più recenti, la scienza della psicologia del colore si è evoluta nel mondo della neuroestetica. La cosa più eccitante di quest'ultima disciplina sono i solidi dati scientifici: i ricercatori stanno mappando le onde cerebrali e associando le risposte fisiologiche e le emozioni a sfumature specifiche e qualità tattili. Ciò dimostra che l'estetica può cambiare il modo in cui ci sentiamo e persino ci comportiamo.

[Guarda anche il video “Il colore, un viaggio nell'arte e nel design”]

AB Rogers, Maggie’s Center at Royal Marsden © Ab Rogers DesignAB Rogers, Maggie’s Center at Royal Marsden © Ab Rogers Design

D     Come si correla il colore allo spazio?

R     Scegliere i colori giusti e metterli nei posti adeguati può aiutare a definire gli spazi e contribuire alle azioni in essi: dal lavorare in modo efficace al dormire bene. Ad esempio il rosa, un colore testato e indicato per abbassare la frequenza cardiaca, viene applicato oggi nell'abbigliamento sportivo. Ne è un esempio la giacca rosa Volleback, che ha dimostrato di calmare gli atleti sotto pressione. Nell’interior design, è interessante l'utilizzo di diverse tonalità di rosa nel progetto healthcare Maggie's Center all'interno del Royal Marsden Hospital, realizzato dall'architetto Ab Rogers. Qui, la copertura delle pareti è rivestita in terracotta smaltata color carminio e gli interni sono in tonalità corallo traslucido.

Arper, moodboard per Kata, foto Salva LopezArper, moodboard per Kata, foto Salva Lopez

D     Più specificatamente, che effetto ha il colore nella progettazione di uno spazio di lavoro?


R     Con gli uffici sempre più presenti all'interno degli ambienti domestici, il tradizionale colore degli spazi di lavoro aziendali ha bisogno di una nuova definizione. Come gli arredi e gli interni devono essere più adattabili, così i mobili o le pareti strutturali dovranno essere pensate anche in base al colore: toni acquosi, blu acqua, giallo pallido e verde tenue ci aiutano a sentirci più vicini agli ambienti naturali, nonostante siamo bloccati davanti allo schermo di un computer, e supportano attività che richiedono concentrazione. Portare il verde e il blu all'interno aumenta il benessere con effetti sulla produttività del lavoro.

Natsai Audrey Chieza (Faber Futures)Natsai Audrey Chieza (Faber Futures)

D     Il colore è anche ricerca e chimica. Quali sono le nuove frontiere?


R      C'è un mondo di coloranti biologici prodotti da batteri, collegati a istanze produttive “rigenerative”, promosso dal settore della moda. Viviamo in un mondo abituato al colore fisso e controllato, semplicemente applicato. Dobbiamo cambiare il punto di vista: il colore può trasformarsi, cambiare con la stagione o essere parte attiva di una superficie viva. Esistono coloranti biologici ingegnerizzati, ricavati dai batteri, o inchiostri che potrebbero produrre una gamma o una tavolozza multitono, con processi produttivi senza sprechi né sostanze chimiche. [Nei progetti Living Color Collective le designer Laura Luchtman e Ilfa Siebenhaar esplorano le possibilità della tintura tessile naturale con batteri che producono pigmenti - e la loro prima applicazione su scala industriale con Puma, ndr].

Oppure ci sono designer che guardano alla struttura stessa di un materiale naturale, per modificare l'effetto cromatico su scala nanometrica [della superficie del colore]. Come le piume di pavone o le ali di scarabeo sono capaci di interagire con la luce attraverso un fenomeno noto come “colore strutturale”, così la designer Elissa Brunato ricrea tali effetti in laboratorio utilizzando cellulosa. In questi casi, il colore non è né un rivestimento né una vernice, ma è insito nella superficie, rendendosi meno dannoso e sostenibile.

Pannelli di plastica riciclata in base al colore di Smile PlasticsPannelli di plastica riciclata in base al colore di Smile Plastics

D     Alcuni colori identificano tipi di oggetti. C'è questa corrispondenza oggi?


R     La rispondenza tra colore e funzione esiste ancora. Commercialmente, il colore genera attrattiva per i consumatori; pragmaticamente, svolge un'incredibile varietà di funzioni: dal raffreddamento riflettente (bianco), alla segnalazione di sicurezza (verde), al pericolo (rosso). Guardando al futuro, auspico un approccio universale al colore in chiave di sostenibilità. Per esempio, se le parti degli elettrodomestici avessero gli stessi colori, potrebbero essere separate e riciclate più facilmente attraverso sistemi di scansione manuali o robotizzate. Un'alfabetizzazione sul colore dei rifiuti potrebbe diventare un modo per generare consapevolezza o accendere il dibattito sulle cose che buttiamo via. Come nel caso di Smile Plastics. [L’azienda inglese fondata da Rosalie McMillan e Adam Fairweather, realizza pannelli colorati e decorativi, riciclati in base al colore. Attraverso specifici processi produttivi, Smile Plastics progetta superfici partendo da rifiuti di plastica e altri materiali tradizionalmente classificati come rifiuti, trasformandoli e rendendoli utilizzabili per l'arredo, ndr]

Sketch London Restaurant, design India Madhavi, foto Ed ReeveSketch London Restaurant, design India Madhavi, foto Ed Reeve

D     Quali sono oggi i colori più innovativi nell'interior design?


R     Il colore, in generale, è tornato: un uso audace modella la percezione dello spazio e dell'esperienza. Abbiamo già iniziato a vedere tonalità più forti e saturate, soprattutto nel mondo della moda e del design, come il rosa fucsia, il rosso primario e il blu lapislazzuli. Personalmente uso molto i gialli: potenti per la creatività, supportano la vita e l'energia. È un tono viscerale ed edificante; faro di ottimismo e gioco, di inclusività, calma e benessere.

Rimaniamo
in Contatto
Per te informazioni su prodotti,
eventi, storie e altre novità.

Lasciati ispirare dalla nuova app Arper

Scarica l’app Arper sul tuo tablet, e comincia a esplorare il nostro mondo in un modo completamente nuovo!