Ritorno in ufficio, visioni per lo spazio condiviso

In una formula mista tra home working e lavoro in presenza, il mondo del lavoro si assesta in questa particolare fase post-pandemica, con prospettive ancora non del tutto intelligibili. Le regole del distanziamento sociale non consentono, nella maggior parte degli uffici, l’occupazione al 100% degli spazi. Così, aziende piccole e grandi hanno riprogettato i luoghi a partire dall’analisi dell’ambiente, da nuove regole di condotta, indicatori visuali che permettono percorsi sicuri e postazioni di lavoro pulite e protette.

A diversi mesi dal lockdown, anziché stravolgere gli ambienti condivisi con soluzioni architettoniche e spazi parcellizzati, le scelte più percorse optano per soluzioni temporanee e flessibili. Ad esempio, con il catalogo Back to our Spaces, Arper mostra come riconfigurare le sue collezioni per rispondere alle necessità attuali e poi tornare al layout originale, riorganizzando sale d’attesa, lobby, zone break, meeting room, postazioni di lavoro e perfino l’home working.

Dallo schema del 6 Feet Office, suggerito dalla società immobiliare internazionale Cushman & Wakefield, al white paper Back to the Office dello studio internazionale di progettazione Gensler, molte realtà hanno studiato linee guida e criteri uniformabili per la riprogettazione degli uffici. Con in mente un obiettivo più alto: reimmaginare il futuro.

Gensler, infatti, sottolinea quanto la riconfigurazione dell’ufficio non sia solo una necessità legata alla pandemia in corso, quanto una scelta strategica a medio e lungo termine, volta a incentivare le risorse umane e riorganizzare le dinamiche lavorative, anche grazie a investimenti in infrastrutture digitali e tecnologie che rendano l’edificio intelligente. Questo non significa soltanto il ricorso ad applicazioni “gestionali” che consentano il check-in degli ospiti, la prenotazione delle sale conferenze, le comunicazioni aziendali, il wayfinding o il servizio di cibo e bevande - operazioni gestibili dagli smartphone dei lavoratori, con maggiori garanzie igieniche - ma anche la progressiva sostituzione dell'interazione tattile con dispositivi contactless o l’uso della voce e rilevatori di presenza nell'ambiente. Non sono poche le società nel mondo che si stanno specializzando nella gestione integrata degli spazi attraverso device mobili e sistemi contactless, incrementando anche la sicurezza dell’ambiente di lavoro. Si rimanda alle soluzioni di società come l’americana Kisi o la svizzera Navori, oppure Archie e TapKey, specializzate nei settori dello sharing, in particolare nella gestione tramite app delle postazioni in spazi co-working. Ma guardando al futuro prossimo, ci immaginiamo scenari di edifici “smart” che ci riconoscono e che adattano la postazione di lavoro sull’ergonomia, l’illuminazione e la temperatura più adeguate. 

Se il forzato passaggio al lavoro a distanza ci ha spinto ad esperire ambienti di lavoro virtuali, la fase post-pandemica ci induce a tornare al luogo fisico ripensandolo a partire dalle dinamiche di interazione, non solo con le persone, ma con lo spazio condiviso.

Rimaniamo
in Contatto
Per te informazioni su prodotti,
eventi, storie e altre novità.

Lasciati ispirare dalla nuova app Arper

Scarica l’app Arper sul tuo tablet, e comincia a esplorare il nostro mondo in un modo completamente nuovo!

Per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile nel nostro sito Web utilizziamo cookie, anche di terza parte. Continuando la navigazione dichiari di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini d’uso espressi. Per saperne di più e per modificare le tue preferenze consulta la nostra Informativa Privacy