Equilibrio: Anna Puigjaner, MAIO

 

Anna Puigjaner, MAIO
Architetto

MAIO è uno studio di architettura con sede a Barcellona. Sviluppa sistemi spaziali, con un’ampia varietà di progetti: dai blocchi abitativi alla pianificazione urbana, dall’arredo al design di mostre. MAIO è diretto da Maria Charneco, Alfredo Lérida, Guillermo López e Anna Puigjaner. Di recente, Anna è stata finalista della Rolex Mentor & Protégé Initiative 2016 ed è stata premiata con il WheelwrightPrize della Harvard Graduate School of Design.

Presentazione

MAIO è uno studio di architettura con sede a Barcellona. Sviluppiamo sistemi spaziali: attraverso di essi, operiamo tanto a livello pratico quanto a livello teorico.

© José Hevia

Sull’equilibrio

L’equilibrio è caratteristica costitutiva di ogni design eccellente: il buon design esprime sempre un equilibrio. Nel nostro caso, cerchiamo di progettare secondo un principio di apertura: siamo in grado di dotare il nostro design dei presupposti che gli permettano di cambiare attraverso il tempo e di svilupparsi autonomamente?


Sulle connessioni

In architettura, esiste sempre un equilibrio fra individuo e comunità, e questo a prescindere dalla scala in cui si sta lavorando – sia essa una singola casa o un’intera città. Il problema è sempre lo stesso: come soddisfare i bisogni dell’individuo in relazione ai bisogni collettivi e, per estensione, il rapporto fra i concetti di privato e di pubblico. Pensiamo alla casa come idea: nasce come spazio privato, ma allo stesso tempo è anche collettivo. Quale che sia il tuo stile di vita, dipenderai sempre da un’infrastruttura più ampia – per l’elettricità, per esempio. In definitiva, ogni decisione presa come individui ci connette alla comunità.

© José Hevia

Sull’influenzare umore ed emozioni

Fare uso di un oggetto o di uno spazio ben progettato ci fa sentire meglio. Il design c’è, è lì, ma noi non ne siamo consapevoli. La felicità dipende in buona misura da questo: vivere in un ambiente “buono”, circondato da oggetti ben progettati.

© José Hevia

Pensare al di là del luogo

Molti progetti di architettura si sviluppano a partire da un contesto. Per reazione, a noi piace dire che i nostri progetti trascendono il contesto: non hanno un luogo specifico, non hanno un tempo specifico. Nella nostra idea, il contesto va ben al di là del sito materiale: concerne tutto quel complicato equilibrio di influenze sociologiche, economiche e politiche che informa un progetto.


Equilibrio nella materialità

L’equilibrio nella materialità si collega anche all’aspetto economico e politico delle cose: da dove provengono i materiali? come sono stati estratti? come sono stati trasformati? Tutto questo è rilevante per il progetto. Noi professionisti ci dobbiamo confrontare con una quantità notevole di problematiche etiche: e a queste dobbiamo fornire una risposta.

Leggi tutte le interviste sul tema Equilibrio

Per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile nel nostro sito Web utilizziamo cookie, anche di terza parte. Continuando la navigazione dichiari di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini d’uso espressi. Per saperne di più e per modificare le tue preferenze consulta la nostra Informativa Privacy