Famiglia: Scheltens and Abbenes

© Scheltens & Abbenes

Maurice Scheltens e Liesbeth Abbenes
Fotografi

Scheltens&Abbenes realizzano scatti fotografici per grandi aziende della moda e del design.

Introduzione

Siamo una coppia, e assieme realizziamo still life per vari settori – dal design alla moda, dall’arte alla cultura. Nel nostro studio di Amsterdam, assumiamo il punto di vista della macchina fotografica per costruire una composizione in maniera precisa e con un occhio per il dettaglio. La nostra fotografia ha un approccio grafico, nella sua contrapposizione agli spazi tridimensionali.

© Scheltens & Abbenes

Sul rapporto tra famiglia e lavoro

“Il nostro studio è collegato al salotto di casa; in questo modo i nostri figli possono vedere ciò che facciamo e noi vedere ciò che fanno loro. Per la verità, mia figlia è accanto a me in questo momento, sta facendo un ritratto. Ma la casa stessa è diventata un’opera collaborativa, grazie al contributo di persone che ammiriamo e con le quali lavoriamo. Chi ci fa visita, talvolta, ha notato che il nostro lavoro assomiglia alla casa dove viviamo – e non c’è proprio da stupirsi!

© Scheltens & Abbenes

Sul lavorare assieme

Tutte le idee e le decisioni – l’intero processo creativo – vengono sviluppate assieme. Dobbiamo persuaderci a vicenda delle idee che abbiamo singolarmente: questo fa sì che lavorare in coppia diventi un processo attivo e consapevole. Siamo l’uno lo specchio dell’altra: abbiamo capito, già molto tempo fa, di avere bisogno delle reciproche opinioni.

© Scheltens & Abbenes

Sul dare vita agli oggetti

Abbiamo scoperto che ogni tipo di oggetto – piccolo o grande, quotidiano o di design – può diventare interessante, fintanto che abbiamo dello spazio per girarci attorno. Arper ci ha dato questo spazio, nel corso degli anni: assieme abbiamo costruito un linguaggio visivo, facendo un passo indietro rispetto alla tradizionale fotografia di prodotto. Più in generale, e più di tutto, si tratta di avere un’idea. Ogni collezione è composta di oggetti, e può trattarsi di qualunque cosa – persino spazzatura! E questi oggetti, o le situazioni che mettono in scena, parlano alla macchina fotografica. Rappresentano il punto a partire dal quale noi iniziamo a creare associazioni. Questo processo ci porta ogni volta in un posto differente. E questo posto, in definitiva, dove veniamo portati, riguarda l’anima del materiale con cui stiamo lavorando.

© Scheltens & Abbenes

Sul trasformare il quotidiano

Ci piace andare in direzioni inaspettate, trasformando oggetti comuni in qualcosa di nuovo. È così che l’oggetto riesce a trattenere un po’ più a lungo lo sguardo di chi osserva, facendolo meravigliare di qualcosa che aveva già visto prima, ma senza esserne consapevole. Questo momento di consapevolezza è lo scatto. Costruendo in modo molto preciso le nostre costellazioni di “oggetti”, otteniamo un’immagine super realistica. Come se potessimo organizzare il caos che informa il mondo. È quasi una maniera di calmarci, darci benessere. Quanto a noi, durante la postproduzione validiamo sempre l’immagine che è stata creata sul set, non prendiamo mai il sopravvento.

© Scheltens & Abbenes

Su collaborazione e creatività

Lavorare dentro la struttura fornita dal cliente, spesso ci fornisce una direzione attraverso cui sperimentare una grande libertà creativa, anziché una restrizione – sia essa l’inizio di un’idea così come l’invito a sperimentare sul set.

Per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile nel nostro sito Web utilizziamo cookie, anche di terza parte. Continuando la navigazione dichiari di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini d’uso espressi. Per saperne di più e per modificare le tue preferenze consulta la nostra Informativa Privacy